Giardini. Le componenti dell’artificio

Se l’essenza del giardino è l’artificio, imprescindibili risultano allora in questo spazio i suoi elementi compositivi, i manufatti che concorrono a creare i singolari giardini come pure il gusto che nelle diverse temperie li connota. Questo, almeno per come intende documentarli in un’accezione ampia il lavoro di ricognizione di Matteo Vercelloni nel volume, oggi in nuova edizione e che pure avrebbe meritato maggiori aggiornamenti, intitolato a Il paradiso terrestre. Viaggio tra i manufatti del giardino dell’uomo, Jaca Book, pp. 336, € 25,00.

In una logica compilativa ispirata al doppio registro della sistemazione di grandi temi per epoche e alla rassegna di singole componenti per come si modellano con il tramutarsi del gusto, si susseguono una serie di schede storico critiche, da leggersi singolarmente oppure incrociandole sulla base di indici per temi e argomenti.

Leggi tutto “Giardini. Le componenti dell’artificio”

Giardino, rigenerazione mentale

L’esigenza di ragionare di quel che, interiormente, si prova stando in giardino e assieme la consapevolezza di come questo approccio sia irrituale, a forte rischio di irriducibile soggettività, sono alla base di un libro dai tratti anfibi come Il giardiniere consapevole. Oltre la bellezza: ragione e sentimento, Pendragon, pp. 246, € 20,00, dove fin dal titolo Luigi Sperati Ruffoni traccia il perimetro delle variabili diverse entro cui intende considerare quell’esperienza così sfuggente che è la relazione che possiamo intrattenere con il giardino e, per suo tramite, con noi stessi, la nostra sensibilità, come pure con l’universo, anche quello delle proiezioni simboliche che facilmente lì precipitano.

Giardino dunque non solo come fatto estetico o botanico, delle cui vicende pure vengono ripercorse storia e premesse teoriche, incrociando suggestioni con eclettica disinvoltura, da Bosch a Pistoletto, fino allo snodo del giardino naturale e all’attualità di una ecologia del giardino “planetario” che intreccia dimensione sociale e logiche proprie di spazi intimi, individuali.

Ma, giardino come luogo d’elezione per acquisire esperienze intense. Investigato per il suo potere di rigenerazione mentale, per il suo esser suscitatore di sentimenti, emozioni, stati d’animo, via privilegiata per ristabilire emotivamente il contatto con la natura, occasione per l’esercizio di ricordi, immaginazione, fantasticherie.

Leggi tutto “Giardino, rigenerazione mentale”

Le molte fisionomie del giardino reale di Torino

Il succedersi di progetti e interventi che lungo l’arco di quattro secoli ripetutamente disegnano e reinventano la fisionomia del giardino del Palazzo reale di Torino stratifica e riverbera l’eco delle diverse tappe della più generale evoluzione del gusto nella storia del giardino. Come in un palinsesto da leggersi in controluce. Dall’impianto all’italiana con cui nasce, insieme ai palazzi dell’antica residenza dei Savoia, quando nel 1563 Torino diviene capitale dello Stato sabaudo, al gusto francese per i giardini introdotto a corte da Cristina di Borbone, fino al ridisegno complessivo firmato dall’oramai anziano maestro assoluto André Le Nôtre, e messo in atto intorno al 1697 dal suo collaboratore Antoine de Marne.

Su quell’impianto spaziale che sopravvivrà a lungo si innesteranno raffinate integrazioni barocche in termini di sculture, arredi, fontane, fino alla fase napoleonica e “imperiale” del giardino museo, poi ai progetti di revisione in stile inglese di Pelagio Palagi per Carlo Alberto e, in un eclettismo che tiene assieme ispirazione paesaggistica e revisione neobarocca, fino al giardino formale francese di fine anni 80 ad opera di Marcellino Roda nonché ai vagheggiamenti di un giardino liberty per la principessa Maria Letizia Bonaparte.

Della complessità del quadro di innesti di modelli, rivoluzioni tecniche, scambi culturali, come della circolazione di specialisti, amatori, piante nelle diverse fasi storiche della vita del giardino rende ora misura e proporzione il volume a cura di Paolo Cornaglia Il giardino del Palazzo Reale di Torino (1563-1915), in collaborazione con i Musei reali di Torino (Olschki, pp.236, € 60.00).

Leggi tutto “Le molte fisionomie del giardino reale di Torino”

von Pückler-Muskau. Il principe parcomane

Eccentrico e provocatore, aristocratico frequentatore di salotti intellettuali, sodale di Heinrich Heine, incoraggiato da Goethe a seguire la sua passione per la natura, il principe “parcomane” Hermann von Pückler-Muskau è soprattutto famoso per lo stile raffinato e la capacità creativa che – da autodidatta – dispiega nella realizzazione di quelli che restano i migliori esempi di parco paesaggistico di ispirazione inglese nella Germania di primo Ottocento. Illustrati poi nel suo fondamentale testo, Giardino e paesaggio, meritoriamente ora ripubblicato da Elliot, pp. 220, € 17,50.

Leggi tutto “von Pückler-Muskau. Il principe parcomane”

Alberi. Miti e figure del sacro

Nel repertorio di emblemi, simbologie, credenze per il cui tramite abbiamo a lungo dato corpo e figura al nostro anelito di comprendere e misurare il mondo, l’albero ha da sempre avuto e a lungo mantenuto un posto centrale e un ruolo di primo piano. Asse del mondo e tramite tra universi, la trasversalità di questa presenza risulta variamente declinata nelle tradizioni e nei miti dei più differenti ambiti culturali, aree geografiche e fase storiche, fin dentro la modernità. A testimonianza di un coesistere di relazioni, quelle che legano noi umani e gli alberi, estremamente intime, in forza della loro pervasiva, incombente presenza mediatrice, eppure assieme del tutto irriducibili, vista la dismisura, per noi incommensurabile, riguardo queste creature, tra le più eclatanti manifestazioni del vivente.

Fin dal titolo del volume di Anna Maria Sciacca, l’associazione Albero e sacro. Dalla mitologia alla tradizione cristiana racconta la tensione di questo coesistere, ripercorrendo le molte figure – arboree – di questa relazione (Castelvecchi, pp. 162, € 17.50).

Leggi tutto “Alberi. Miti e figure del sacro”

Apparizioni botaniche. All’insegna del selvatico rivisitato

Se raramente si riesce davvero a raccontare un giardino a partire dal progetto che ne è stato all’origine, accade al vice versa che sia il giardino stesso a dirci molto del suo creatore. E del modo in cui intende il lavoro di paesaggista.
Ciò, specialmente se quel giardino nasce come luogo di ispirazione privata, giardino proprio, diverso da tutti quelli che altrove si progetteranno per altri. È il caso di Piuca, giardino laboratorio di sperimentazione di una personale botanica per artisti, come la definisce Antonio Perazzi, illustrandolo nel suo Il paradiso è un giardino selvatico. Storie ed esperimenti di botanica per artisti, UTET, pp. 304, € 24.

Leggi tutto “Apparizioni botaniche. All’insegna del selvatico rivisitato”

Pedagogie del paesaggio nascosto

Tra gli antidoti che ci son dati di fronte a una globalizzazione che procede omologando e per converso frammentando e sradicando singolarità e territori e che nella predominante dimensione produttivo consumistica, ci vede assecondare lo status quo, relegati nel ruolo di consumatori, osservatori passivi, c’è la consapevolezza del rilievo operativo del paesaggio, sistema vivente di relazioni sempre in divenire tra uomo ed elementi naturali, strumento di lettura dell’insieme, occasione aggregante, opportunità del convergere di pensiero e azione, di costruzione sociale che mai può essere neutrale.

Una consapevolezza non scontata, anzi tutta da enucleare e alimentare come argomenta Eugenio Pandolfini, nel suo Il paesaggio nascosto. Quale comunicazione nei luoghi della complessità, Olschki, pp. 291, € 22.

Qui, a fronte della messa in discussione della esclusiva centralità dell’uomo nella relazione natura cultura, si procede a un’articolata rilettura delle riflessioni sui temi del paesaggio, informata anche di una serie di ulteriori, convergenti saperi e approcci disciplinari, dalla sociologia all’etica, all’ecologia, all’economia.

Leggi tutto “Pedagogie del paesaggio nascosto”

Mongera. Giardino “innaturale”

Preso in prestito dal centauro Chirone nella pasoliniana Medea, il titolo del volumetto di Daniele Mongera, Niente di naturale, rinvia nella sua interezza a “non c’è niente di naturale nella natura”, a significare qui l’irriducibile, inestricabile tensione di afflati, del giardiniere, a cui con la natura spetterebbe tenere il filo del dialogo, come del paesaggista, che, nell’artificio, creativamente resta a distanza, votato alla meraviglia dell’inutile (Officina Naturalis Editore, pp. 124, € 12,00).

Animatore d’imprese come Maestri di giardino, dove trasferire in scrittura sensibilità, saperi e saper fare, nonché ora di questa Officina Naturalis con già diversi titoli all’attivo, Mongera inanella una serie di testi che, con un’attenzione al guscio etimologico delle questioni capace assieme di plastiche, immaginifiche invenzioni, illuminano snodi, episodi, personalità della recente storia del giardino con la competenza dotta delle vicende che pochi compartecipi possiedono.

Leggi tutto “Mongera. Giardino “innaturale””

Mazzolai. Robot ispirati dalle piante

Nell’attenta osservazione che da sempre destiniamo all’infinita varietà di soluzioni che la natura mette in atto per adattare la vita ai più diversi contesti c’è uno sguardo nuovo che da qualche tempo riserviamo al vivente, incrinando l’altrimenti inossidabile assunto antropocentrico che ci vuole misura di tutto. Uno sguardo che procede per differenza e ha per soggetto privilegiato quel mondo vegetale che nella sua irriducibile alterità ha basato il suo successo evolutivo su fondamenti biologici totalmente diversi rispetto a quelli del mondo animale.

Un ulteriore punto di vista si produce poi, andando oltre il gioco dell’analogia, che ci vede guardare volta a volta alla capacità dinamica di volo orizzontale di alcuni semi con le estremità flesse verso l’alto a suggerirci esempi per velivoli come il monoplano, o alle proprietà idrofobiche del fiore del loto da replicare nei più diversi ambiti. Se, in una logica imitativa, si intende comprendere il funzionamento dei meccanismi del vivente per trasporli in sistemi non biologici. Se si osservano e studiano cioè gli esseri viventi e le loro interazioni per progettare e realizzare macchine e sistemi bioispirati. In particolare robot – come già quelli animaloidi e umanoidi – esemplati sui meccanismi di funzionamento delle piante.

Leggi tutto “Mazzolai. Robot ispirati dalle piante”

La nazione delle piante. Libri esplorazione, alla Pizzetti maniera

Partendo dal presupposto, mai abbastanza ribadito, della nostra profonda disattenzione e ignoranza per il mondo vegetale, per l’alterità di quella presenza invece davvero dominante sul pianeta che sola consente che su di esso si dispieghi la vita – anche la nostra –, s’avvia ora, per gli Editori Laterza, con intento risarcitorio, l’impresa di una serie di volumetti dedicati a incentivare la conoscenza dei protagonisti de La Nazione delle Piante.

Una serie, diretta dal neurobiologo Stefano Mancuso, intesa a familiarizzarci con la varietà dei soggetti e delle popolazioni di quella nazione vegetale, illustrandone profili, parentele, forme organizzative, funzionamenti e modalità di comunicazione, come pure ripercorrendo le relazioni che con quelle piante noi animali umani intratteniamo, negli usi e negli immaginari.

Leggi tutto “La nazione delle piante. Libri esplorazione, alla Pizzetti maniera”